Written by Administrator
Category:

La sua storia è caratterizzata dalla costruzione di architetture grandiose, adornate da opere artistiche fra le più belle del pianeta. Anche tornando indietro nel tempo all'epoca dei romani, l'Italia è facile comprendere come il lavoro artistico e l'architettura vennero elevate a un livello completamente nuovo. Alcuni degli artisti più famosi al mondo sono italiani, e molti dei musei più famosi livello planetario sono situati proprio in Italia, ospitando alcune delle creazioni artistiche più celebri al mondo! L'Italia racchiude al suo interno molto di più che semplicemente cibo e vino, nonostante anche questi aspetti straordinari siano parte intrinseca del patrimonio italiano. Ora daremo uno sguardo a sette musei straordinari presenti in Italia!

I Musei Vaticani

Papa Giulio II fondò i Musei Vaticani nel 1506. Al giorno d'oggi si tratta dei musei italiani più visitati. Il suolo sacro, sul quale sono stati costruiti questi musei nella Città del Vaticano, ospita la Cappella Sistina di Michelangelo, le stanze di Raffaello, opere di maestri del Rinascimento come Caravaggio, da Vinci, Giotto, Lippi, e Perugino. A questo si aggiungono, una galleria d'arte contemporanea, una galleria dedicata alle tappezzerie da dattarsi attorno al XV secolo e ovviamente una serie incalcolabile di sculture create dai maestri attivi durante il periodo  rinascimentale. Se la Città del Vaticano è parte del tuo itinerario, dovresti assicurarti di avere tempo sufficiente per goderti tutte le opere presenti all'interno dei Musei Vaticani.

La galleria Borghese

Anche questa struttura è situata a Roma, la galleria Borghese è una villa del XVII secolo costruita da Flaminio Ponzio. La villa storica ospita una collezione ampia, una volta proprietà del cardinale Scipione Borghese. All'interno della collezione del cardinale sono presenti varie sculture del Bernini, dato che si trattava di uno dei suoi artisti preferiti, così come sono presenti: un autoritratto del Bernini datato 1623, una collezione di dipinti del maestro rinascimentale Caravaggio, alcune opere di Raffaello, una galleria di strumenti occidentali che presenta strumenti musicali appartenenti a varie epoche epoche, romana, egizia e greca. A questi si aggiungono una galleria di arte moderna e il museo etrusco. Tutte queste strutture fanno parte della struttura compresa all'interno di questa enorme villa. Ricordatevi di non presentarvi direttamente alla galleria Borghese senza una prenotazione, non vi lasceranno entrare!

La galleria degli Uffizi

Spostiamoci a Firenze per dare uno sguardo al successivo museo. Costruita nel 1581, la galleria degli Uffizi è considerata un capolavoro architettonico del periodo rinascimentale. Se conoscete qualche dettaglio inerente alla storia italiana, saprete certamente che la famiglia Medici è stata tra le più importanti e influenti nella storia di questa città e proprio questa famiglia iniziò questa collezione presente all'interno degli Uffizi. Sono molte le opere appartenenti ad artisti ben conosciuti, tra questi ovviamente Leonardo da Vinci e Michelangelo, i quali trovarono ispirazione nella bellezza degli Uffizi. Non c'è molto altro da dire. La galleria ospita opere d'arte dei più grandi maestri e capolavori inestimabili unici al mondo. Assicuratevi di avere tempo sufficiente per visitare la galleria degli Uffizi, si tratta di un luogo straordinario!

La galleria dell'Accademia di belle arti di Firenze

Mentre visitate Firenze, dovreste assolutamente dare uno sguardo alla statua più famosa al mondo, il David di Michelangelo. La statua originale è esposta presso la galleria dell'Accademia di belle arti di Firenze. Questo luogo ospita, oltre al David, un'ampia collezione di capolavori appartenenti al periodo rinascimentale e una collezione impressionante di opere d'arte fiorentine appartenenti al periodo gotico. Se sei un artista, vorrai sicuramente dare uno sguardo alle opere non concluse di Michelangelo, presenti all'interno di questa galleria e potrai così immaginarti il modo di completare queste sculture del grande maestro.

Museo nazionale del Bargello

Una tappa obbligatoria a Firenze è la visita di questa struttura unica, il museo nazionale del Bargello. Questo museo non fa parte degli antichi capolavori architettonici italiani, né tanto meno fu la residenza di un importante uomo politico italiano del passato. Il museo nazionale del Bargello era una prigione, databile attorno al 1225. Personalmente credo che una visita al museo sia semplicemente obbligatoria, anche solo per vedere le fattezze di un'antica prigione. Inoltre dovresti visitare il museo nazionale del Bargello, perché ospita alcune straordinarie sculture di Donatello.

Enter your text here

Written by Administrator
Category:

 

(1475 – 1532) Bernardino Luini fu un pittore del Nord italia appartenente al circolo di Leonardo. Un pittore conservatore che cercò di apprendere da Leonardo tutto ciò che la sua natura gli permise di comprendere. Proprio per questo, molti dei suoi lavori vennero attribuiti a Leonardo. Sia Luini che Giovanni Antonio Boltraffio dissero di aver lavorato direttamente con Leonardo.

Si dice che Luini sia stato allievo di Ambrogio Bergognone. Nato a Dumenza, divenne un prominente pittore lombardo agli inizi del XVI secondo. Sono scarsi i dettagli inerenti alla sua vita. Lavorò a Milano, dove dipinse vari affreschi all'interno di palazzi e chiese cittadine a città nella periferia della città.

I lavori più conosciuti sono gli affreschi creati per Villa Pelucca a Sesto San Giovanni (ora all'interno della Pinacoteca di Brera, Milano). Nel 1525 completò una serie di affreschi riguardanti la vita della Vergine e di Cristo per la chiesa di Santa Maria dei Miracoli a Saronno.

 

Divenne famoso socialmente per la grazia delle sue figure femminili dagli occhi leggermente strabici, chiamate 'Luinesque' da Vladimir Nabokov. Morì a Milano.

Enter your text here

Written by Administrator
Category:

 

Secondo la leggenda, Cimabue scoprì casualmente il genio di questo ragazzo questo lo vide in strada disegnando con una pietra affilata su di una roccia piatta.

Giotto di Bondone, il padre della pittura moderna e una delle più importanti figure della storia dell'arte occidentale, nacque nel 1267 in un piccolo villaggio nella valle del Mugello, 30km a nord di Firenze. Si sa molto poco di lui e si discute su quale sia esattamente il suo luogo di nascita. Con molta probabilità lavorò come apprendista sotto Cimabue e visse a Firenze attorno al 1280.

 

Nel 1312, Giotto divenne parte della corporazione fiorentina dei dottori. Tra il 1329 e il 1332 lavorò per il re di Napoli e nel 1334 divenne il capo architetto nel progetto della cattedrale di Firenze, aiutò quindi a progettarla e creò svariate statue per decorarla. Sappiamo che lavorò a Roma, Milano, Padova, Assisi, Ravenna, Rimini, e altre città in Italia e in Francia. Morì nel gennaio del 1337 a Firenze e venne cremato nella cattedrale ricevendo tutti i più grandi onori civili che vennero pagati dalla città.

Enter your text here

Written by Administrator
Category:

 

Sandro Botticelli fu un pittore italiano della prima parte del Rinascimento. Appartenne alla scuola fiorentina sotto Il mecenatismo di Lorenzo de' Medici.

Sandro Botticelli nacque a Firenze nel 1445. è considerato da molti il più umanista dei pittori del Rinascimento. Lavorò inizialmente come apprendista di un maestro orafo. Nel 1465 divenne allievo di Fra Filippo Lippi e rimase al suo cospetto per due anni. Si pensa che successivamente lavorò con il Verrocchio e con i fratelli Pollaiuolo, dai quali apprese la sua precisione nel disegno. Durante il 1474, Botticelli divenne il pittore principale della famiglia  Medici e del loro circolo intellettuale. Come tutti loro, anche l'artista accettava le idee del neoplatonismo, una filosofia esoterica e una teoria letteraria che mescolava paganesimo e cristianità professando un'unione spirituale con Dio.

 

Botticelli affrescò dei pannelli (ora persi) per la famiglia Medici. Per la stessa famiglia creò svariati ritratti e i suoi due lavori più famosi, la “Primavera” e la “Nascita di Venere”. I suoi dipinti risultavano straordinariamente belli con colori leggeri e teneri, armoniosi, pieni di grazia e dalle linee sinuose. Le sue opere risvegliano domande morali e intellettuali, lo spirito umanistico e una poesia personalmente melanconiche.

Enter your text here