Donatello

Written by Administrator

 

È considerato il fondatore della scultura moderna, Donatello nacque a Firenze nel 1386.  Il suo David bronzeo fu la prima statua  nuda del Rinascimento.

Donato di Niccolò di Betto Bardi (c. 1386 – 13 dicembre 1466), meglio conosciuto come Donatello, fu uno scultore vissuto a Firenze nella prima parte del Rinascimento. Studiò la scultura classica e utilizzò queste tecniche per sviluppare uno stile scultoreo rinascimentale completo. Esempi dei suoi lavori sono visibili a Roma, Padova  e Siena e svariate altre opere sono disseminate in altre città italiane.

Lavorò con differenti materiali: pietra, bronzo, legno, argilla, stucco e cera. Ebbe svariati assistenti, normalmente lavorava con quattro persone. Nonostante i suoi migliori lavori   sono considerate le statue tutto tondo, sviluppò un nuovo stile di bassorilievo, una  tecnica dedicata a lavori di piccole dimensioni e bisogna considerare che buona parte delle  sue opere più celebri furono altorilievi architettonici.

Donatello si formò nella casa dei Martellis, una famiglia benestante di banchieri influenti nella sfera fiorentina. Proprio questa famiglia fece da mecenate per svariati progetti artistici in stretta collaborazione con la famiglia Medici. Probabilmente fu proprio in questo momento che Donatello ricevette per la prima volta la sua formazione da un maestro orafo.  Apprese la metallurgia e la fabbricazione dei metalli e altri materiali.

Nel 1403 lavorò come apprendista da Lorenzo Ghiberti, scultore e maestro specializzato in metalli. Pochi anni dopo, venne commissionato un grande lavoro al Ghiberti, la creazione delle porte bronzee del battistero della cattedrale di Firenze. Tra i possibili artisti papabili per questo progetto era presente un nome celebre come Filippo Brunelleschi. Donatello lavorò come assistente del Ghiberti nella creazione delle porte nella cattedrale.

Con l'arrivo del 1408, Donatello tornò a Firenze nei laboratori della cattedrale. Quell'anno, completò la scultura di marmo a dimensioni reali del David. Raffigurazione che seguiva lo stile gotico, popolare in quell'epoca, con linee lunghe e aggraziate e un volto privo di espressione.

L'opera riflette le influenze degli scultori di quel tempo. Tecnicamente si tratta di un'opera eseguita perfettamente, manca però il lato emotivo e la tecnica innovativa che avrebbe segnato per sempre i successivi lavori di Donatello.

Donatello riuscì a creare e rendere stabile una relazione vantaggiosa con Cosimo de’ Medici nella città di Firenze. Nel 1430, l'eminente mecenate commissionò a Donatello un'altra statua di David, questa volta in bronzo. Probabilmente il lavoro più famoso di Donatello.

La scultura è completamente indipendente da qualsiasi elemento architettonico circostante utilizzato per supportarla. Il David rappresenta un'allegoria delle virtù civiche che trionfano sulla brutalità e irrazionalità.

 

La sua amicizia durata per tutta la vita con la famiglia Medici gli permise di accumulare abbastanza denaro per vivere pacificamente la sua vita. Morì per cause sconosciute a Firenze il 13 dicembre 1466.

Category: